IL CIBO IDEALE PER ABBRONZARSI PROTTEGENDOSI

Prendere il sole fa bene: le radiazioni solari non sono soltanto dannose, e anzi possono migliorare l’umore stimolando le ghiandole surrenali, regolare i ritmi ormonali e la pressione sanguigna, stimolare la sintesi di vitamina D, tanto preziosa per la salute delle ossa e dei denti. Tutto questo a patto di non esagerare e di proteggere l’organismo dai danni di un’esposizione eccessiva. Uno dei pericoli maggiori è quello della disidratazione: il caldo e il sole accelerano la perdita di acqua e di minerali perché la sudorazione è indispensabile per abbassare la temperatura corporeaed evitare il surriscaldamento. La disidratazione può avere effetti negativi anche sull’aspetto della pelle. L’esposizione al sole, poi, innesca la produzione di radicali liberi: per tenerli sotto controllo è importante consumare alimenti ricchi di sostanze antiossidanti come i carotenoidi, flavonoidi, antociani, catechine, vitamina C, vitamina E, selenio e zinco. Ma un’alimentazione “protettiva solare” dovrebbe anche fornire sali minerali come il potassio e il sodio per ristabilire l’equilibrio idro-salino, grassi “buoni” come i monoinsaturi e gli omega tre, e vitamine del gruppo B. In parole povere, bisogna consumare molta frutta e verdura colorata (arancione, rossa, violetta o verde scura), pesce azzurro, cereali integrali, semi oleosi e come condimenti usare olio extravergine di oliva od olio di sesamo spremuto a freddo e sale marino integrale. Da non dimenticare l’aumento del fabbisogno idrico: una delle bevande migliori per l’estate è il tè verde, ricchissimo di catechine antiossidanti e di sali minerali. Per fare una “cura” protettiva e abbronzante, vi consigliamo di bere tutti i giorni per un mese un centrifugato di carote e arancia, cominciando almeno due o tre settimane prima della prima esposizione al sole.

UN’ALGA PER ABBRONZARSI SENZA RISCHI

LA SPIRULINA platensis è una microalga verde-azzurra conosciuta comunemente come “spirulina”. Essiccata e trasformata in polvere o compresse, la spirulina si usa come integratore alimentare perché è ricchissima di betacarotene oltre che di vitamine del gruppo B, proteine nobili, sali minerali e oligoelementi. Il suo contenuto di betacarotene la rende perfetta per fornire all’organismo una protezione contro i radicali liberi e per favorire la sintesi di melanina, il pigmento che conferisce il colore scuro alla pelle e che la protegge dai danni del sole. I sali minerali di quest’alga preziosa aiutano a ristabilire l’equilibrio idro-salino della pelle e di tutto l’organismo. La spirulina può essere assunta in compresse, cominciando preferibilmente 3-4 settimane prima della prima esposizione al sole, ma si può anche consumare sotto forma di polvere, aggiunta ai cibi o alle bevande. Si acquista in Farmacia,Parafarmacia ed Erboristeria.

CART

X