ESERCIZI IN CASO DI INSONNIA

È molto importante non alterare il ritmo sonno-veglia se si pratica sport a livello agonistico. Calcolate le ore di sonno di cui avete bisogno in media dalle 6 alle 8 ore,cercate di coricarvi ogni sera e alzarvi ogni mattina alla medesima ora. Se una notte si va a dormire molto tardi, evitate di protrarre il sonno durante tutto l’arco della mattinata,in quanto ciò potrebbe portarvi a far tardi di nuovo il giorno seguente. Se vi svegliate nel mezzo della notte e riscontrate difficoltà a riaddormentarvi,restate nel letto e ricordate che più ci si sforza nell’addormentarsi più non ci si rilassa e non sopraggiunge il sonno; meglio alzarsi e dedicarsi a qualcosa di rilassante. Sì alle attività distensive prima di andare al letto (ginnastica dolce,un libro,un bel film,musica,coccole). Durante il giorno praticate con regolarità l’attività fisica che preferite ed evitate di mangiare troppo a cena. Lo yoga è un toccasana per l’insonnia causata da stress o da situazioni lavorative difficili o preoccupazioni di vario genere; ottimo anche nei casi di insonnia condizionata,caratterizzata dal timore pervasivo di non riuscire a dormire. Specifiche posizioni,se praticate con costanza,garantiscono un rilassamento che dura sul lungo periodo. Richard Miller,psicologo e insegnante di yoga,ha creato un sistema che unisce la tradizione millenaria delle tecniche yoga ai recenti studi sul sonno. Si chiama IRest,abbreviazione per Integrative Restoration,una pratica che trasforma (la trasformazione è il principio delle forme sciamaniche,delle discipline psicofisiche più antiche). In questa pratica l’effetto metamorfico è rafforzato perché meditazione e yoga Nidra si uniscono alla terapia psicologica e la trasformazione si catalizza. Si tratta di una meditazione rilassante e terapeutica guidata.

CART

X